La “Fascia muscolare”

Cos’è la Fascia: l’analogia di una spugna.
Paragonare la fascia a una spugna aiuta a capire a pieno la funzione del questo tessuto connettivo.
La fascia è il nostro tessuto connettivo, circonda tutti i nostri muscoli, ossa, nervi, organi, articolazioni, collega e sostiene tutto il contenuto del nostro corpo. Si tratta di un SISTEMA FLUIDO TENSIONALE.
Quando confrontiamo la nostra fascia ad una spugna, è abbastanza facile da capire il motivo per cui è importante prendersi cura di essa.
Una fascia succosa è una fascia felice!
“Quando una spugna si secca diventa fragile e dura. Può essere facilmente rotta applicando solo un po’ di forza a causa di come è diventata. Tuttavia, quando una spugna è bagnata e ben idratata diventa elastica e resistente. La si può schiacciare in una pallina ma rimbalzerà tornando alla forma originale. La si può strizzare e torcere, ma è difficile da rompere.

Una volta che ci saremo resi conto che internamente siamo proprio così, mantenere la nostra fascia idratata assumerà più importanza. La nostra mobilità, l’integrità e l’elasticità sono determinati in gran parte da come è ben idratata la nostra fascia. Infatti, quello che noi chiamiamo “allungare un muscolo” in realtà sono le fibre del tessuto connettivo (collagene) che scivolano tra di loro sulle proteine mucose dette glicosaminoglicani (GAG in breve), i quali possono incollare gli strati assieme quando l’acqua è assente, o consentire loro di pattinare e scivolare gli uni sugli altri, quando idratati. Questo è uno dei motivi per cui la maggior parte delle lesioni sono fasciali. Se ci “asciughiamo” siamo più fragili e siamo molto più a rischio di erosioni, strappi o rotture “. L’idratazione della fascia si ottiene muovendo il corpo in tutti gli angoli che si possono raggiungere e massaggiando il tessuto fasciale, con l’aiuto dello strumento “Foam Roller”. Motivo sufficiente per andare a prendere il vostro roller, ora!

La fascia è come una tuta: è tutto connesso.
Quando confrontiamo la nostra fascia con le fibre di un maglione di lana, partendo dalla parte posteriore della testa fino alla nostre punte dei piedi, è molto più facile da comprendere il motivo per cui siamo in grado di avvertire il dolore in una parte del nostro corpo o in un particolare muscolo, mentre la tensione effettiva si trova qualche altra parte del corpo.

Soprannominata anche “l’architettura interna del corpo”, la fascia è connessa totalmente in tutto il corpo. Quindi la vostra fascia si comporta come il maglione di Natale della nonna fatto a mano: una volta tirato dalla parte inferiore, lo strappo può facilmente allargarsi fino in cima. Quando tiriamo la fascia ad un’estremità, lo strappo seguirà lungo l’intera catena e potrebbe essere avvertito su un’altra estremità per compensare la tensione nell’estremità inizialmente tirata.

Leave Comment